giovedì 28 ottobre 2010

Un nuovo inizio

Lasciato alle spalle il giveaway, mi sono messa a lavorare su un nuovo progetto.
Come ho già detto qualche post fa, da un po' mi è presa la fissa dei babies e mi sono accorta che tra le fatine manca una piccola sirenetta così ci sto provando....vedremo alla fine cosa ne esce.
Questa è la testolina, con le guanciotte pacciocone, non è pulita e mancano le orecchie.



martedì 19 ottobre 2010

Siete pronte???

Il giveaway è chiuso...fra un po' sapremo chi sarà la fortunata vincitrice!
Per prima cosa voglio ringraziarvi di cuore per aver partecipato così numerose, mi ha fatto un enorme piacere e ora...in bocca al lupo a tutte.
Dopo aver pulito i doppi commenti, ho fatto una lista con tutte le partecipanti, ad ogni nome ho affiancato un numero, per distinguere i nomi uguali ho inserito il nome del blog tra parentesi.

1 Nicoletta
2 Galadriel
3 Dany
4 Crafty Sue
5 Ascension
6 Dona
7 Alessandra ( Dal cielo in su...)
8 Alessia
9 Mari@
10 Marina
11 Karin F.
12 Ayala Art
13 La botteguccia di Luisa
14 Marianna (InnAmorArte)
15 Sabrina
16 Marta
17 Anto
18 Francesca
19 Vania
20 Claudia
21 Gina di hobbydolcehobby
22 My lucky
23 Istery
24 Moriah
25 Etoile
26 Emily dolls
27 Tatbrha Yshko
28 Anna
29 Marianna (le creazioni di lory)
30 Sissi
31 Gloria 68
32 Janil
33 Alessandra (alixiacreations)
34 Wilde - Baeren
35 Krilù
36 Stefania
37 Sonia (La Bottega delle Fate)
38 Roberta
39 Michela.crazy
40 Barbie
41 Vale
42 Barbara
43 Magda
44 Tamyca
45 Raffaella
46 Wayne
47 Lala76
48 Yolanda
49 Maribel
50 Malu2
51 Elis
52 Maria Eugenia
53 Carmen
54 Leakon
55 Farisa
56 Netty
57 Alma e Lia
58 Valis
59 Claudia (perlenhexeszauberwelt)
60 Belinda
61 Youclan
62 Paoletta
63 Rosa-Kreattiva
64 Teddy & amp;co.
65 Speradora
66 Ultsu
67 Maggi Co
68 Daisy
69 Samantha del masso
70 Leila Gervais
71 Moonj
72 Melania Avon
73 Eva
74 Sonia (xxxcheamorexxx)
75 CIBELES
76 Kikka

Ora è tutto pronto inserisco i numeri in random e ........the winner is


rullo di tamburi....numero 14 Marianna di InnAmorArte .
Congratulazione Marianna, appena puoi mandami il tuo indirizzo.

Anche questo blog candy e finito ma continuate a seguirmi ce ne saranno sicuramente altri.

lunedì 11 ottobre 2010

Grappolo d'uva...tutorial

Era da un po' che volevo realizzare delle calamite ed ora spinta un po' dalla necessità di impedire a dei fogli di appunti o ricette di volarsene ovunque per la cucina, ho deciso che è arrivato il momento di iniziare a farne qualcuna e visto che questa è la stagione dell'uva perché non iniziare da un bel grappolo?

Detto e fatto e ho pensato che magari potesse essere d'aiuto anche a qualcun altro così ho preparato questo semplice tutorial, per questo grappolo ho usato della pasta di mais ma nulla impedisce di usare qualsiasi altra pasta modellabile.



Materiali

Serve della pasta di mais colore naturale,

viola,

marrone e

verde,

mattarello,

taglia pizza,

forbicine,

foglie vere o degli stampi di foglie,

carta forno,

stuzzicadenti,

calamita,

gessetti o acquarelli.


Su un pezzo di foglio di carta da forno tiriamo una sfoglia di pasta colore naturale e con il taglia pizza tagliamo una specie di triangolo che ci servirà come base.


Ora con la pasta viola incominciamo a fare delle palline che andremmo a posizionare sopra il triangolino di pasta bianca preventivamente bagnato con dell'acqua oppure della colla e continuiamo fino a che avremmo coperto tutta la pasta sotto.


Con della pasta marrone realizziamo il gambo, facciamo uno spaghetto piuttosto grosso e con il tagliapasta tagliamo dei segmenti poi con uno stuzzicadenti segniamo la pasta in modo di ricordare l'effetto della pianta della vite come nella foto.


Con della colla li uniamo al grappolo creando un rametto.


Ora tiriamo una sfoglia di pasta verde e appoggiamo una foglia vera in modo che il retro appoggi sulla pasta e con il mattarello passiamo leggermente in modo che vi resti impresso le venature della foglia.

A me piace usare le foglie di ortensia o di salvia, trovo abbiamo delle bellissime venature che rendono benissimo sulla pasta di mais ma purtroppo durante l'inverno non si riesce a trovarle e per questo mi sono fatta degli stampi che poi vi mostro.

Adesso con il tagliapasta ritagliamo una forma a pentagono nella parte dove le venature sono più sottili.


Con una forbicina facciamo dei tagli su ogni lato


Sempre con la forbicina facciamo dei tagli a zig zag in modo di fare un margine seghettato.


Ancora con la pasta verde facciamo un spaghetto sottile e lo arrotoliamo su uno stuzzicadenti, abbiamo così ottenuto i viticci.


Ora aggiungiamo altre palline di pasta viola sul nostro grappolo creando un secondo strato non compatto, giusto dove serve per nascondere la base di pasta e dare tridimensionalità al grappolo, aggiungiamo le foglie e i viticci.


Adesso il nostro grappolo è terminato, non ci resta che dare qualche tocco di colore, solitamente uso gli acquarelli o gli acrilici dipende dall'effetto che voglio ottenere, aspetto che il lavoro sia ben asciutto e procedo alla colorazione ma questa volta ho voluto provare un modo diverso, ho usato i gessetti sul pezzo ancora bagnato e devo dire che mi piace l'effetto ottenuto in particolare sulle foglie, mi sembra abbastanza verosimile.


Dopo che il grappolo si è ben asciugato l'ho attaccato alla calamita.


E per ultimo ho passato su tutto il lavoro una vernice protettiva che può essere opaca, lucida o semi lucida, io ho scelto di dargli un effetto simile alla porcellana.




Come dicevo prima, per le foglie mi piace usare le foglie di ortensia e di salvia perché hanno delle bellissime venature ma d'inverno è un po' difficile trovarne e per questo mi sono costruita un po' di stampi.
Ho provato vari materiali, dalla pasta di mais, al gesso fino ad usare una specie di pasta bicomponente che da asciutta sembra una gomma siliconica...purtroppo in questo momento mi sfugge il nome, vi mostro alcune prove che ho fatto alcuni anni fa, sono foglie di varie specie di piante e sono ancora in buone condizioni.







Il mio problema era che mi sarebbe piaciuto avere la possibilità di realizzare delle foglie in pasta con le venature sia sopra che sotto, ho fatto un po' di prove, da prima con il gesso appoggiando una foglia sul gesso fresco e lasciando asciugare ma non sempre veniva bene a volte mi si formavano delle bolle, poi ho provato con la pasta di mais e qui mi sono riuscite meglio ma a volte mi era difficile staccare la foglia di pasta dallo stampo essendo rigido così ho provato questa specie di gomma siliconica bicomponente, ho impastato i due colori, l'ho steso e vi ho schiacciato sopra una foglia , lasciato asciugare e tolto la foglia e avevo ottenuto il negativo.


Poi ho impastato nuovamente un altro po' di pasta e premuta sopra allo stampo già ottenuto ho avuto anche il positivo.


Ed ecco lo stampo completo con delle belle venature, non si attacca alla pasta ed è flessibile a sufficienza per poter tirare via la foglia di pasta ottenuta senza correre il rischio di sformarla.



Spero tanto che questo tutorial vi piacia e vi possa tornare utile.
Ho preparato anche il pdf per scaricarlo cliccate sul nome affianco alla foto






Grappolo d'uva

domenica 10 ottobre 2010

Occhi

Ho iniziato dei nuovi lavori, tra questi una fatina che però procede molto lentamente per dei problemi che ho incontrato con gli occhi inseriti, tempo fa a questo proposito avevo provato a fare degli occhietti seguendo il tutorial di Eneida Rosa usando il fimo liquid, devo dire che l'effetto finale era anche piacevole la lente era venuta bella trasparente e senza bollicine cosa che temevo molto.....ma......eh si c'è un ma....
Ne ho inseriti un paio in una testina che non ho cotto subito e non so perché quando, dopo un po' di giorni, l'ho ripresa in mano ho trovato che la lentina di fimo era diventata opaca e si era addirittura staccata, non so proprio perché sia successo, forse dovevo cuocere la testina e poi fare il corpo in un secondo tempo cosa che non faccio mai perché solitamente modello tutto e poi cuocio ma in questo caso forse dovevo fare diversamente magari la composizione della pasta ha reagito con il fimo liquid?....Boh...non lo so!
Comunque sono andata a riprendere gli occhietti che avevo provato a fare e ho visto che anche loro hanno perso un po' di lucentezza.....mi sa che dovrò andare a tentativi, fare qualche altra prova prima di trovare il metodo più adatto a me.
Questi sono gli occhietti incriminati