lunedì 20 febbraio 2012

Tutorial : testolina ooak

Tempo fa mi era stato chiesto se facevo corsi o per lo meno se tra i tutorial che avrei fatto ne avessi in programma uno sulle ooak, avevo risposto che mi sarebbe piaciuto con il tempo realizzarne alcuni e dopo non molto avevo iniziato a lavorarci sopra, ma poi per vari motivi e per alcune persone che si erano appropriate di alcuni miei tutorial e lavori assumendosene la paternità….ero rimasta un po' amareggiata e mi ero fermata.
Ma ora a distanza di tempo e soprattutto grazie a delle persone che mi hanno scritto dicendomi quanto gli fossero stati d'aiuto i miei tutorial, ho pensato che per poche che si comportano in maniera scorretta ce ne sono moltissime che apprezzano quello che ho fatto e così ho ripreso in mano il mio tutorial e questa volta l'ho portato a termine.
Più che un tutorial e solo un mostrare come faccio io a realizzare una testolina ooak, questo vuol essere solo un esempio per chi si vuole avvicinare a questa (per me) meravigliosa tecnica, so che ci sono delle persone molto più brave e qualificate di me e sicuramente ci sono molti altri me
todi, questo è solo quello che faccio io.
Scusate la qualità delle foto ma ho rotto la mia solita lampada e a parte per qualcuna mi sono dovuta arrangiare da sola ma spero comunque che sia comprensibile.
In futuro pensavo di fare un passo passo anche per vedere come si realizza il busto, gli arti, le mani, i piedi etc. e per questo vorrei chiedervi di dirmi se è facilmente comprensibile o se ci sono delle grosse lacune, così potrei cercare di regolarmi per i prossimi.

Materiale necessario

Pasta polimerica ( prosculpt, living doll, cernit, fimo, ecc)

Attrezzi

Questi sono quelli che mi sono accorta di usare di più per lavorare dove le dita non arrivano ma ognuno ha i suoi preferiti.


Pronti?Iniziamo!

Prendo una noce della pasta che ho scelto, l'ammorbidisco con le mani e gli do una forma a uovo con la punta rivolta verso il basso.


Adesso con una punteruolo o uno stuzzicadenti, faccio una linea verticale dividendo a metà l'uovo e segno tre linee orizzontali, queste mi saranno d'aiuto per vedere dove posizionare gli occhi, il naso e la bocca.

Ora, io uso una delle due mirette di legno, la seconda della foto, premo sulla pasta sopra la prima linea orizzontale, da un lato e dall'altro della linea verticale, creando due avvallamenti, le cavità degli occhi.


Con uno stuzzicadenti o un bulino segno due linee agli angoli degli occhi come vedete nella foto e una sotto per formare il naso,


ora con le dita o le mirette in legno pizzico in su la pasta cercando di realizzare il naso, se qualche volta per vari motivi non mi riesce e allora uso il metodo ad aggiunta cioè faccio un piccolo rotolino di pasta e lo applico dove deve venire il naso.



Adesso, nella zona sotto l'occhio dove vedete posizionato il mio ditone, con le mirette o con il dito cerco di abbassare un po' le guance, di solito se faccio un visino per una fatina baby questa parte la salto perchè i bambini hanno le guanciotte più paffutelle.

Nell'ultima linea orizzontale, con la miretta di legno faccio un segno più profondo e con il bulino o uno stuzzicadenti segno due buchini ai margini.


Ora con la miretta in legno, incomincio ad evidenziare il labbro inferiore e poi passo a quello superiore.


Faccio un piccolo rotolino di pasta, ne taglio un pezzettino,


e lo posiziono sul labbro inferiore per dargli maggiore spessore e


cerco di lisciare in modo da far scomparire le linee di congiunzione.

Ripeto gli stessi passaggi anche per il labbro superiore, poi metto una piccolissima pallina di pasta al centro del labbro superiore e con un pennellino lo faccio aderire bene e sparire le linee di congiunzione, sempre con il pennellino cerco di togliere tutti segni che non hanno niente a che fare con il visino.


A questo punto ritorno a lavorare il naso, faccio due piccole palline che posiziono alla base del naso per farne le narici, con il pennello livello bene e tolgo tutti i brutti segni che vedo sul naso,


con il bulino faccio due piccoli fori per le narici e il naso è terminato.



Ora con la miretta in legno, premo sulla zona del mento per creare un leggero avvallamento,


faccio una piccola pallina e l'appiattisco,


la posiziono sull'avvallamento del mento e


con un pennellino liscio tutto per togliere i segni di congiunzione e ho creato così il mio mento.



Ora nelle foto precedenti, si nota che ha un po' la fronte bassa e poco proporzionata al resto del viso così ammorbidisco un altro pezzetto di pasta, lo appiattisco e glielo metto sulla fronte,


con le dita o l'aiuto delle mirette e del pennellino faccio in modo che la fronte assuma un aspetto più proporzionato e non si veda l'aggiunta del pezzo di pasta



Adesso, premendo con le dita come nella foto, cerco di crearle un po' il segno della mascella, sia da una parte che dall'altra.



Ora è il momento degli occhi. Precedentemente mi sono preparata degli occhi e ora li voglio inserire così, con l'aiuto di un bulino o del dietro di un pennello, faccio due fori profondi quanto sono grandi gli occhi.


Li inserisco facendo attenzione che entrambi guardino dalla stessa parte,


poi con un po' di pasta faccio due rotolini sottili e ne posiziono un pezzo su entrambi gli occhi nella parte inferiore,


liscio bene con il pennello e passo a fare la palpebra superiore, facendo un rotolino di pasta leggermente più grosso e lo posiziono su entrambi gli occhi nella parte superiore e con l'aiuto di un pennellino liscio per bene.


Ora per dare un po' di spessore e realismo alla palpebra, con la pasta faccio due semini che posiziono ai lati dell'occhio come nella foto


Sempre con il pennellino, liscio fino a far scomparire l'aggiunta e siccome a guardarla mi dava l'impressione che ci fosse un po' troppa affossatura nella zona vicino al naso , ho fatto due pallini per cercare di riempire il vuoto, sempre con l'aiuto del pennellino liscio il tutto.


Il viso è praticamente a posto non resta che controllarlo e vedere se ci sono dei particolari o come nel mio caso c'era la nuca dietro da risistemare e dare nuovamente un po' di rotondità, così ho aggiunto della nuova pasta e le ho risistemato la nuca.


Spesso mi capita, soprattutto se non riesco a finirla tutta in una volta, che mi ritrovo con un visino abbastanza sporco e questo succede ancor di più se si è alle prime esperienze. Per pulirla a volte mi basta prendere un fazzolettino di quelli umidificati, quelli che si usano anche per pulire il sederino dei bambini, lo passo sopra le macchie di sporco e la maggior parte se ne vanno via abbastanza facilmente ma si può anche fare un “bagnetto” con del sapone neutro. Alla fine per togliere delle impronte oppure i segni lasciati dalle mirette, con un pennello passo dell'olio apposito ma va benissimo anche l'olio baby Johnson, lascio riposare alcune ore e per finire cuocio tutto seguendo le informazioni del produttore della pasta che ho usato.


Prima di toglierla dal forno aspetto che si sia ben raffreddata, altrimenti potrei correre il rischio che mi si formino delle crepe e per finire passo alcune mani di carta vetrata per carrozzieri molto fine, io uso la 500 e la 800 così tolgo ulteriori segni o sporco che fossero rimasti imprigionati nella pasta, la carta vetrata deve essere di quel tipo che si può bagnare, prima la bagno e poi carteggio fino a che vedo che il pezzo e bello liscio e mi soddisfa, per ultimo passo un po' di cotone leggermente bagnato di acetone e il pezzo e pronto per essere colorato.



Per chi volesse scaricare questo tutorial ho fatto il pdf

Tutorial testolina ooak

Spero tanto vi piaccia e ...
un abbraccio
Anna

lunedì 6 febbraio 2012

Fanuilos - la prima fatina dell'anno

Mi dovrei vergognare per quanto tempo ho lasciato passare prima di aggiornare il mio blogghino anzi...mi guardo allo specchio e mi sgrido da sola!!
Chi mi conosce sa quanto poco ami l'inverno e quest'anno il freddo è pure eccezionale e per me che lo soffro da matti, è come per gli orsi, vado letteralmente in letargo ma comunque, ho cercato di fare qualcosina e......vi ricordate la fatina che avevo iniziato pensando che sarebbe stata l'ultima dell'anno vecchio?
La trovate qualche post più in sotto, ora è terminata.....a dire il vero già da alcuni giorni ma solo ora mi sono decisa di fotografarla, è una fatina invernale, l'ho fatta un po' per esorcizzare il freddo senza sapere quanto lo sarebbe stato quest'anno e questa volta le ho dato pure un nome....Fanuilos che tradotto dall'elfico significa sempre bianca come la neve.
E ora visto che è da un po' che non vi mostravo foto dei miei lavori ve ne subite tante da coprire il periodo di assenza.











Alcune foto anche del coniglietto che ha trovato riparo sotto il tronco.






Alla prossima sperando che il freddo abbia lasciato la sua presa.
Un abbraccio
Anna